BlogComunicazione

le PMI non sanno comunicare -prelancio 1

avvicinamento alla data del rilascio della anteprima del mio libro

L’articolo di oggi introduce una serie di riflessioni che ho pensato per introdurre l’avvicinamento all’uscita dell’anteprima del mio prossimo libro “Le PMI non sanno comunicare“.

le PMI non sanno comunicarePer chi ancora non lo sapesse l’anteprima sarà disponibile gratuitamente per gli iscritti alla mia lista personale, e che ho deciso di rilasciare alla data del 23 novembre 2017, in concomitanza del mio 56º compleanno.

Al di là della nota di gossip, il titolo del mio libro devo dire che è già un successo perché ha attirato, come ovvio, l’attenzione di molti addetti ai lavori.

Al di là del fatto che questo mi faccia molto piacere, non vorrei che passasse il messaggio di aver scelto un titolo “vincente” senza che poi questo abbia alcuna effettiva interazione con i contenuti che ho espresso nei testi.

Vorrei rassicurare tutti che il titolo del libro è esattamente ciò che penso, e questo a costo di farmi apparire decisamente poco simpatico a molti imprenditori e ad altrettanti manager della comunicazione aziendale.

Sono fortemente convinto che le piccole medie imprese italiane, o per meglio dire una buona maggioranza di queste, non abbiano ancora compreso l’importanza di investire nella comunicazione.

Quando parlo di comunicazione parlo di una corretta comunicazione, parlo di dare un senso concreto a ciò che si dice, parlo di riuscire realmente a trasmettere qualcosa che non sia un messaggio di marketing e, soprattutto, parlo di migliorare la comunicazione interna facendo diventare anche il personale stesso dell’azienda un veicolo di trasmissione della comunicazione da cui ottenere, probabilmente, i migliori feedback in assoluto che nessun consulente potrà mai eguagliare.

Un secondo aspetto che ci tengo a chiarire ancora prima della uscita dell’anteprima e che sarei davvero felice di poter condividere i testi della stessa con un maggior numero possibile di “critiche costruttive “, perché il mio intento è quello di fornire una visione preliminare su un lavoro che, al momento della tribù dell’anteprima, non sarà ancora del tutto concluso, proprio perché è mia intenzione integrare alcune parti del testo con i feedback, anche critici, che potranno arrivare dalla iniziale condivisione dell’anteprima stessa.

Quindi, più che un libro “tradizionale”, credo si tratti di un vero e proprio esperimento di comunicazione nella comunicazione, dove l’ascolto attivo, elemento che cito diffusamente ripetutamente all’interno del libro, rappresenta un’applicazione pratica del mio pensiero, ovvero non mi limito esclusivamente a dire alle aziende cosa fare per migliorarsi, ma applico le stesse metodologie sul mio lavoro cercando, il più possibile, di migliorarmi e, conseguentemente, aumentare la qualità finale del prodotto che va da offrire, nel caso specifico il mio libro.

Avendo un carattere schietto e per certi versi scorbutico, dichiaro fin da adesso che quando parlo di critiche, mi riferisco a analisi concrete e scambio di punti di vista, ovvero non ho bisogno di “professori” e tantomeno di “lezioni”, non già perché io sappia tutto, ci mancherebbe altro, ma perché ho ormai constatato che chi fornisce critiche dando lezioni è quasi sempre persona da evitare, perché assolutamente povera di contenuti, e pertanto il relativo giudizio ha per me un valore pari a zero.

Sarebbe per me un onore e un immenso piacere poter ricevere critiche e suggerimenti da persone che lavorano nelle aziende e che, loro malgrado, sono “ostaggio, di metodi di comunicazione obsoleti e poco efficienti.

Mai come in questo caso non ho alcun riferimento di base, e quindi non so davvero cosa potermi aspettare, ma a dire la verità è proprio questo l’aspetto che ritengo più intere intrigante e interessante in assoluto e che, spero, mi riserverà le migliori sorprese.

Prima del lancio dell’anteprima ovviamente tornerò a parlare dei temi del libro, ma ovviamente sono aperto sin da adesso a rispondere ad ogni eventuale domanda o curiosità sullo stesso, alle quali risponderò, come faccio sempre, con schiettezza e trasparenza

Commenti

commenti

Tags

Potrebbero interessarti anche questi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close