Music MarketingComunicazione AziendaleWeb Marketing

Piccola (anzi media) storia triste

Perché anche i Consulenti sono persone e, a volte, si incazzano

17 / 100

Qualcuno  segue questo blog perché faccio il consulente di web marketing etc… ma pochi sanno che io volevo fare il musicista.

Ho iniziato da piccolissimo a suonare e cantare.

Il primo concorso musicale a memoria d’uomo mi vede già con il microfono in mnao alla veneranda età di 8 anni, mentre a 10 avevo le bacchette della batteria come naturale estensione delle mie mani (con enorme gioia dei miei vicini di casa).

La mia lunga (e modesta) carriera musicale “professionale”, ovvero andare a suonare guadagnando dei soldi inizia nel 1973, quando mi esibisco con la band “i Giovanissimi” in un night club, per entrare nel quale fu necessario avere la delega dei parenti e l’accompagnamento di un adulto (non si poteva entrare se minorenni).

Eravamo in tre, tutti dodicenni: io alla batteria e voce, Sergio Zisi alla chitarra e Andrea Severi alle tastiere e voce (che faceva anche le veci del basso, che non avevamo). Quest’ultimo è diventato poi direttore di orchestra, maestro accompagnatore del Maggio Musicale e infine direttore di uno dei più importanti teatri della Toscana.

Sono passati quasi 50 anni….in un battito.

Faccio ancora musica, con passione e divertimento, ma non sono mai diventato il musicista che volevo essere, anche per la cecità dei miei genitori, gli unici a non vedere un evidente talento artistico (per loro il mio scopo nella vita sarebbe stato di  lavorare in banca).

Evabbè, capita.

Ma ho comunque fatto musica, tanta, collezionando oltre 2.000 serate in tante parti del mondo, per una esperienza che mi ha dato tanto e che continua a regalarmi emozioni.

Ma come avrai letto il titolo non è così sdolcinato..e quindi cerco di spiegarti il motivo di tale espressione.

Sto scrivendo questo post di Domenica sera, in un raro momento di relax, prima di tornare al lavoro domani preso dai miei impegni e progetti da rispettare….già rispettare, una parola importante, quanto abusata e dimenticata.

Ho iniziato a ripensare a tutte le cose fatte, alcune belle (poche), altre brutte (molte), ma soprattutto alle centinaia di persone con cui ho lavorato e collaborato.

Mi sono accorto che ho aiutato tantissima gente, mettendomi a disposizione di tutti, sempre, concretamente.

Alcune di queste persone sono artisti che (anche) grazie alla collaborazione con il sottoscritto, sono state introdotte o arrivate nei “giri” giusti che hanno permesso loro di ottenere risultati interessanti.

Magari ci sarebbero riusciti lo stesso, ma se ho contribuito all’1% del successo di qualcuno, è qualcosa che mi riempie di gioia e non sono geloso del loro successo, anzi, sono e rimango il loro primo “fan” :-)

Ma c’è anche il rovescio della medaglia: troppi “artisti” hanno la memoria corta.

Perché dico questo?

Perché nessuna di queste persone si è degnata di aiutarmi in qualche modo nei miei progetti, incluso l’ultimo, quello di cui vado più orgoglioso, i Caporali Coraggiosi.

Parlo di piccole cose, che so, un post su Facebook supporto del progetto, complimento per un concerto, un apprezzamento per un inedito pubblicato, un “in bocca al lupo” per l’inizio di un Tour etc..etc.. insomma le stesse cose che un “social fan” qualsiasi mi invia frequentemente, e che magari mi ha visto due volte su un palco.

E i miei “amici” musicisti con cui ho lavorato e magari ho aiutato?

Niente, zero, nada….

A volte nemmeno rispondono ad un messaggio di saluto, su un social o sul telefono, mentre so che si trovano in uno studio a registrare il prossimo disco o in viaggio per un concerto all’estero o la partecipazione ad una trasmissione televisiva.

Niente, zero, nada…..

Ecco che l’emozione per le esperienze musicali con tali persone lascia posto alla delusione e a qual brutto senso di mancanza di rispetto, di educazione, che prescinde dalla musica o da qualsiasi attività professionale.

La musica è una cosa meravigliosa, gli artisti, a volte, un poco meno.

marco.forconi

Lavoro nel settore IT/WEB dal 1995, ho creato il mio primo sito web nel 1999 (lo ammetto, era inguardabile...), e dal 2003 mi occupo full time di Web Marketing e Applications. Una Laurea breve conseguita in USA in Marketing & Business Management, che mi ha permesso di lavorare con partners internazionali. Per altre info leggi il "chi sono", o scrivimi :-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button