Comunicazione AziendaleSocial Network

il Brand non è una opzione, ma una necessità

Se non ti riconoscono, non esisti

Partiamo dalle basi, ovvero dalla definizione di Brand Awareness, che in italiano possiamo tradurre in “Conoscenza di marca

Ecco la descrizione di Wikipedia


Notorietà di marca

La notorietà (o consapevolezza) di marca (brand awareness) definisce la capacità di una domanda di identificare un particolare brand. Può essere stimato con indicatori sintetici del grado di ricordo. Il limite inferiore è la completa non conoscenza della marca; a un livello superiore si colloca il riconoscimento (o notorietà sollecitata), o ricordo aiutato, che indica la situazione in cui la domanda deve essere stimolata perché riconosca la marca. Quando la domanda ricorda le principali marche di una classe di prodotto senza bisogno di stimoli, si parla di ricordo spontaneo (o notorietà spontanea).


Ho utilizzato la definizione di Wikipedia perché ancora oggi, nei dizionari italiani di riferimento, nonostante siano stati introdotti neologismi quali “ciaone” o “webete” (senza i quali nessuno di noi potrebbe vivere…), non è presente la definizione di Brand Awareness. 🙁

Credo che il paragrafo precedente sia la desolante fotografia della situazione italiana che, fatte salve rare e ottime eccezioni, brancola nel buio o si limita a “navigare a vista”.

Eppure tutti noi sappiamo esattamente quanto questo sia importante, tutti noi sappiamo quanto le masse siano attratte e condizionate dalle marche.

Una maglia firmata costa dieci volte di più dell’analoga anonima, e magari sappiamo che vengono entrambe prodotte in Asia… ma compriamo la prima, perchè è “di marca”.

E il nostro consumatore “tipo” agisce allo stesso modo.

Molti commettono l’errore di pensare che, in quanto PMI, non hanno le esigenze di multinazionali come Nike, Adidas, Coca-Cola oppure, rimanendo in casa nostra, Ferrero, Barilla, Armani e così via.

Grosso errore!

Usare la marca ad un livello ridimensionato rispetto a questi colossi non solo è possibile, ma è doveroso , perchè può diventare una delle poche armi potenti a disposizione delle PMI per non sopperire nella lotta contro i giganti multinazionali.

Il sottotitolo del capitolo suona come una sentenza:

Se non ti riconoscono, non esisti

alla quale vorrei aggiungere altri tre punti

SE NON:

  1. ti riconoscono non si ricorderanno della tua azienda
  2. comunichi con il tuo pubblico nessuno saprà che esisti
  3. mantieni il contatto con i clienti, torni al punto (1).

Anche qui vale la regola del buon senso, ovvero nessuno chiede a un imprenditore di diventare un astronauta in quindici giorni!!

Si tratta soltanto di lavorare in modo serio, disponibile, costante e positivo, mantenendo alto il livello di ascolto attivo, agendo di conseguenza utilizzandone i feedbacks.

Se quanto sopra viene fatto in modo serio e professionale (senza se e senza ma), facendosi aiutare da consulenti in grado di ideare, progettare ed applicare un piano di comunicazione efficace, allora riuscire a posizionare il proprio brand diventa un’impresa possibile.

Come vedi non ho detto che è facile, perché non lo è, così come sono elevate le percentuali di fallimento.

Insuccessi che non risiedono nell’incapacità dell’imprenditore o dei suoi collaboratori, o almeno non sempre è così, poiché sono talmente tanti i valori e le variabili che si intrecciano nella costruzione di un brand vincente, che non ci sono parametri che permettano in modo scientifico di definire che questo brand, alla fine del percorso progettuale, sia quello che ci aspettiamo: essere riconoscibili e ricordati (positivamente).

Se parliamo di brand in molti paesi europei, ma soprattutto nel resto del mondo, potremo confrontarci con centinaia di studi, agenzie e consulenti specializzati in questa branca del business.

Quando parliamo di Brand nelle PMI Italiane, spesso la sensazione è quella di trovarsi nel deserto dei tartari.

Ovviamente ci sono molti consulenti di marketing e aziendali che hanno competenze da mettere sul tavolo, magari sviluppate in master o studi conseguiti all’estero, dove la materia è molto più comunemente trattata, tuttavia riuscire a identificare figure fortemente specializzato in questo, fatta eccezione per le multinazionali citate a inizio capitolo, non è assolutamente semplice.

C’è però chi, da sempre, si occupa di questo: Marco De Veglia.

Per presentare Marco (di seguito MDV) mi limito ad usare l’introduzione del suo corso “Brand Facile” dove parla di Brand Positioning (ci torniamo tra poco)


Sono Marco De Veglia e sono riconosciuto in Italia come “l’esperto di Brand Positioning”. Questo è il mio Brand Positioning.

Da oltre 30 anni mi occupo di Brand Positioning e ho creato decine di marche per aziende di tutte le dimensioni (dalla multinazionale al libero professionista).

La mia convinzione è che il Brand Positioning dovrebbe essere compreso e messo in pratica direttamente dagli imprenditori che sono le persone con l’autorità e l’interesse più specifici per agire a fine di creare una Brand.


Io e MDV ci conosciamo da diversi anni e mi onoro di definirlo un amico (lui la definisce una sana “amicizia professionale”), cosa che potrebbe far pensare che il mio giudizio sul professionista potrebbe essere in qualche modo falsato da un rapporto amicale esistente.

Ovviamente non è così, si tratta solo di una piacevole coincidenza, che potrai facilmente verificare così: fai una ricerca su Google.it sul brand positioning a livello italiano.

I risultati ti diranno che MDV è un riferimento “concreto” per il mercato italiano.

Il fatto che egli da tempo viva in USA e sia sempre a stretto contatto con professionisti innovatori del settore, è un valore aggiunto che, grazie al fatto di essere italiano, egli è in grado di tradurre adeguatamente di menzionandolo e adattandolo alle nostre specifiche e peculiari esigenze di marketing che, sebbene similari su alcuni aspetti, risultano essere spesso radicalmente differenti soprattutto per un approccio culturale decisamente diverso .

Grazie all’esperienza maturata sul campo, MDV è profondo conoscitore della realtà imprenditoriale italiana, che compone il 98% della Sua clientela.

Ma la cosa veramente importante è che MDV è uno specialista di un aspetto del branding che risponde al nome di “Brand Positioning”, di cui entreremo nel dettaglio tra poco.

marco.forconi

Lavoro nel settore IT/WEB dal 1995, ho creato il mio primo sito web nel 1999 (lo ammetto, era inguardabile...), e dal 2003 mi occupo full time di Web Marketing e Applications. Una Laurea breve conseguita in USA in Marketing & Business Management, che mi ha permesso di lavorare con partners internazionali. Per altre info leggi il "chi sono", o scrivimi :-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button