Comunicazione AziendaleWeb Marketing

Facebook funziona per i Negozi?

Come e perché le aziende locali dovrebbero essere presenti su Facebook?

Facebook funziona per i Negozi?

(e per le micro aziende, gli artigiani, i professionisti, etc..etc..?)

Sembra la classica domanda da un milione di dollari, ma in realtà la risposta è unica: assolutamente sì.

Cominciamo subito col dire che Facebook è un formidabile strumento per il business perché ormai è assolutamente evidente a tutti che l’utilizzo aziendale di questo social network sia l’obiettivo primario di questa compagnia.

facciamo un breve riepilogo di come funziona facebook

da un lato abbiamo i profili, che sono collegati a singole persone, e nei quali le stesse interagiscono con i propri”amici” postando fotografie, frasi, immagini divertenti… insomma di tutto di più.

il profilo appunto personale cioè legato ad una persona fisica e, come chiaramente scritto nel regolamento di facebook, non può e non deve essere esplicitamente usato a fini commerciali.

è ovvio che questa definizione, declinata all’interno di un social network, lascia molti margini di interpretazione e quindi parecchie aree grigie, tuttavia il senso è chiaro:

se vuoi fare business con finalità commerciali devi utilizzare una pagina e non un profilo personale.

nonostante il ragionamento sia molto semplice e assolutamente non tecnico, ti posso assicurare che ci sono ancora moltissime piccole e micro attività che utilizzano il profilo personale per promuovere il proprio negozio.

Queste persone non capiscono che stanno rischiando di vedersi chiudere l’account, perché stanno agendo in piena violazione delle regole facebook, ma soprattutto di perdere tutte le connessioni messaggi fotografie che siano state postate durante il periodo di attività.

Tutto cancellato, senza preavviso, dalla sera alla mattina, e senza possibilità di recuperare niente!!

Ti posso assicurare che è già successo molte persone (che poi hanno fatto il classico canto del coccodrillo…).

La buona notizia che tutto questo e facilmente evitabile aprendo una pagina facebook dedicata alla tua attività.

Non starò certamente qui a spiegarti come si fa perché basta cercare su Google per trovare centinaia di siti che lo fanno molto meglio di me e in modo ancora più dettagliato.

La seconda buona notizia è che il tuo profilo personale non sparisce, rimarrà esattamente come è adesso, anzi sarà la tua chiave di accesso per poter gestire la tua pagina aziendale.

Quindi abbiamo un doppio vantaggio:

  1. il tuo profilo personale non cambia
  2. la pagina aziendale sarà il tuo riferimento per il business 

ovviamente nulla vieta che tu possa usare il tuo profilo personale per mandare le persone sulla pagina aziendale, diventandone fan. (sul profilo personale sono amici, sulla pagina aziendale si chiamano fans)

ok, Marco, ho aperto la pagina e adesso cosa devo fare?

Aprire la pagina è soltanto il più passaggio di un percorso più lungo e che richiederà tempo.

La prima cosa da fare e certamente ottimizzare la pagina seguendo le linee guida di facebook e fornendo tutti gli elementi informativi necessari ai potenziali visitatori perché, non dimenticarlo, questa è la pagina che rappresenta la tua attività, che sarà mostrata a persone che non la conoscono e che quindi dovranno essere in grado di capire esattamente chi sei, cosa fai e come lo fai, in modo da suscitare il loro la necessaria curiosità per saperne di più e magari mettersi in contatto con te. (Anche per questa cosa troverai tantissimi riferimenti in rete)


I Contenuti della Tua Pagina

Adesso abbiamo la nostra pagina ben fatta, con tutte le informazioni, il luogo aziendale, le modalità di contatto, una bella copertina che catturi l’attenzione eccetera eccetera, si inizia la fase più importante che quella della creazione di contenuti

Questo è il passaggio che il 90% dei titolari di una pagina facebook aziendale sbagliano, perché si dimenticano istantaneamente che hanno aperto una vetrina all’interno di un social network, non di un centro commerciale.

pubblicare da subito offerte, sconti e quant’altro è una tattica suicida!

alla gente dei tuoi sconti non gliene frega niente e tantomeno dei tuoi prodotti perché, salvo rarissimi casi, li può trovare in qualsiasi shop on-line, magari a prezzi inferiori, con tutte le garanzie del caso e magari anche la spedizione gratuita.

Quindi è necessario definire una cosa molto importante che sgombra il campo da ogni dubbio:

tu non puoi competere con queste aziende!

non hai alcuna possibilità di vincere, anzi non è nemmeno la più lontana speranza di poter entrare in concorrenza con loro.

  • qualunque cosa tu proponga, loro saranno sempre un passo da te
  • qualunque sconto tu faccia, loro saranno sempre più convenienti
  • qualunque offerta ti inventerai, loro saranno in grado di migliorarla

te lo ripeto: tu NON PUOI COMPETERE con queste aziende!

Arrivati a questo punto probabilmente ti starai domandando per quale motivo dovresti mai aprire una pagina facebook per la tua attività, e la risposta molto semplice: devi creare una relazione personale con chi frequenta il social network.

“scusa marco, ma non è detto che per le relazioni personali devo usare il profilo? quindi che senso ha aprire una pagina aziendale?”

In realtà c’è una piccola differenza, ovvero che se nel primo caso tu stabilisce una relazione personale basata sui tuoi interessi personali e le tue passioni, nel secondo caso devi cercare di attivare una relazione professionale con chi è interessato ai tuoi prodotti e i tuoi servizi.

Per essere ancora più chiari, nel primo caso puoi parlare di quanto ti piace andare a mangiare al ristorante coreano, commentare i risultati della tua squadra del cuore, postare le foto delle ferie o della cena con gli amici, mentre nel secondo dovrai fornire informazioni (non offerte o sconti) utili interessanti per chi le riceve, in modo da poter creare una relazione professionale usando il social network come mezzo di comunicazione.

Esempio pratico:

se hai un negozio che vende scarpe, potresti dare consigli su come pulire le scarpe di un determinato materiale oppure come farle durare di più nel temp, in questo caso starai parlando come esperto in materia e offrirà gratuitamente informazioni che permetteranno all’utente finale non di spendere denaro ma di risparmiarlo facendo durare di più nel tempo un prodotto acquistato.

se ci pensi un attimo è l’approccio esattamente contrario a quello che le grandi organizzazioni e negozio on-line fanno, poiché il loro cavallo di battaglia è l’assortimento e il prezzo stracciato.

se ci pensi bene non è una cosa difficile da fare, anzi, è estremamente semplice, anche perché potresti tranquillamente utilizzare le informazioni che trovi gratuitamente su internet e mettere a disposizione sulla tua pagina: gli altri fanno il lavoro per te e tu vedrai un vantaggio competitivo da offrire ai tuoi clienti, sia potenziali che acquisiti.

il vero problema arriva però adesso….


Come raggiungere gli utenti?

in apertura ho chiarito che facebook è ormai una piattaforma dedicata in stragrande maggioranza alla utenza professionale.

Questo è assolutamente normale perché avendo la possibilità di eseguire una profanazione delle persone che popolano il social network, facebook sarà in grado di offrirti un tipo di pubblicità estremamente mirata.

in altre parole, non importa se tu hai un negozio di modellismo a Bergamo o un salone di estetista a Palermo: facebook è in grado di indirizzare le tue informazioni alle persone giuste.

il rovescio della medaglia è che questo risultato è praticamente impossibile da raggiungere senza utilizzare le pubblicità a pagamento , le facebook ads.

Deve essere chiaro che non si tratta di una scelta, ma una necessità, perché facebook limita la tua visibilità “organica” attorno al 3% del tuo pubblico.

Mi spiego meglio con un esempio pratico: supponiamo che tu abbia una pagina che curi da un anno, secondo le modalità che ti ho scritto precedentemente, e che piano piano abbia iniziato ad avere iscritti (fans), che nel giro di un anno sono arrivati ad essere ben 2.000.

Secondo logica ogni volta che tu pubblichi una bella informazione sulla tua pagina facebook questa sarà letta da 2000 persone: invece non è così!

Facebook limita la tua portata di visualizzazione attorno al 3% dei tuoi fan, quindi la bellissima informazione che hai messo a disposizione non sarà vista da 2000 persone, ma da 60!!!

Va precisato che questo valore è suscettibile di tantissime variazioni, che risentono di altri parametri, come

  • “mi piace” ricevuti
  • i commenti
  • le condivisioni

perché facebook decide in base propri algoritmi se aumentare o diminuire la tua portata organica.

Quindi nel tuo caso specifico tu potresti raggiungere 60 persone come 300, ma resta il fatto che non arriverai mai a farti leggere da tutti quelli che faticosamente hai portato ad essere iscritti alla tua pagina.

A questo punto avrai capito che l’unico modo per raggiungere tutte le altre persone fare pubblicità con facebook.


facebook ads (croce e delizia)

cosa sono lo abbiamo appena detto e comunque, anche in questo caso, ci sono migliaia di pagine informative che spiegano in ogni singolo dettaglio cosa fanno e perché devi usarle.

Quello che viene detto un poco meno è che facebook, essendo un’azienda che mira a fare profitti, oltre ad utilizzare algoritmi che rendono spesso indecifrabili le modalità di utilizzo, mette in campo tutta una serie di attività promozionali di marketing per convincerti a fare questo genere di investimento pubblicitario sempre e comunque, anche se non hai alcuna esperienza.

E qui occorre fare molta attenzione, perché la stragrande maggioranza delle persone si avventura nella pubblicazione di pubblicità su facebook ritrovandosi dei conti salati da pagare senza aver ottenuto il benché minimo risultato.

Lo ripeto, facebook è uno strumento eccezionale, ma come non è sufficiente acquistare una Ferrari per diventare un pilota di formula uno, lo stesso vale per la costruzione di una campagna pubblicitaria nel mondo digitale:

investire denaro su Facebook senza sapere cosa sta facendo porterà risultati disastrosi, sia dal lato economico che morale.

Se vuoi usare facebook ads è necessario documentarsi in maniera approfondita, ovvero non basta leggere qualche informazione o qualche guida su internet: per fare le cose fatte bene occorrono mesi soltanto per iniziare.

So bene che su internet c’è scritto il contrario di quello che ho appena affermato, ma potrei presentarti dozzine di persone che hanno avuto questa terribile esperienza proprio perché gli è stato presentato come qualcosa che “è facile”.

Nel business moderno di facile non c’è niente, però esiste la possibilità di raggiungere risultati.

Se tu sei in grado di elaborare una strategia di comunicazione da agganciare poi a una nuova strategia di promozione marketing su facebook, allora hai tutto quello che ti serve per iniziare e probabilmente non avresti neanche bisogno di leggere queste righe.

Se invece quanto ho appena scritto non rappresenta una tua esperienza diretta o che vuoi incrementare nel tempo, l’unica alternativa è rivolgersi a professionisti.

Se stai pensando: “ma costano soldi!”, io ti rispondo che non è vero, anzi come direbbe il mitico Fantozzi :

Se tu, senza avere esperienza, pensi di poter fare tutto da solo, avrai come unico risultato aver speso soldi inutilmente e ottenuto zero risultati.

Poniamo che questa tua negativa esperienza sia costata € 500 : sono soldi che hai gettato dalla finestra.

Se la stessa cifra la affidi ad una persona esperta, sicuramente non potrà fare miracoli, ma porterà risultati tangibili, concreti e soprattutto misurabili, perché a differenza di qualsiasi altro tipo di pubblicità, questo tipo di promozione permette di misurare nel dettaglio i risultati raggiunti, senza se e senza ma.


facebook ads e le attività locali

una delle leggende metropolitane più diffuse è quella relativa al fatto che se tu hai un piccolo negozio in una cittadina di provincia, non ti serve fare pubblicità su facebook.

Fra le cose sbagliate che si possono dire, questa è probabilmente la più pericolosa, perché una pagina facebook che non funziona è un problema per il tuo business e la tua immagine aziendale!

Non importa cosa tu pensi di facebook, se ti piace, lo odi o lo usi: quotidianamente è usato dal 78% delle persone, inclusi tuoi clienti, e se ci sono loro, come azienda devi esserci anche tu!

Sai che i primi beneficiari del digitale sono proprio le micro aziende locali?

pensaci bene: se domattina “chiudono facebook”, stai tranquillo che CocaCola o Nike continuano a fare pubblicità e vendere in tutto il mondo.

Al contrario milioni di micro aziende che hanno migliorato il loro business locale grazie alla rete..chiuderebbero bottega, perché il digital permette di farsi trovare e conoscere in ambito locale.

Con le facebook ads (se fatte nel modo giusto...) , unitamente ad una giusta strategia sui contenuti, hai la reale possibilità di far vedere i tuoi prodotti a persone realmente interessate e che risiedono, ad esempio, in un raggio di 30 km dalla tua sede.

Non esiste nessun altra possibilità pubblicitaria che ti permetta di fare questo, ecco perché non utilizzare i social network per un’attività locale è un errore madornale.


il futuro del business? E’ nei telefoni!

il futuro è già iniziato e passa inesorabilmente quella tavoletta che praticamente ogni persona consulta freneticamente per varie ore al giorno, in qualsiasi momento della giornata, indipendentemente dal proprio background culturale, centro sociale di appartenenza, sesso e età.

Il 94% delle persone frequentano i social network utilizzando uno smartphone, quindi non essere su questi dispositivi significa essere fuori dei giochi: punto.

è un’arena immensa, popolata da milioni di persone che ogni istante della giornata ricevono tonnellate di comunicazioni, immagini, offerte, notizie false eccetera eccetera

Ti sarà capitato molto spesso di vedere una persona che sfoglia un social network dal proprio telefono: il dito si muove in maniera quasi automatica sullo schermo, scrollando la pagina senza una particolare logica e senza nemmeno cercare qualcosa di particolare, soffermandosi soltanto su qualcosa che cattura la sua attenzione.

Pensare che inserirsi in questo flusso con uno sconto del 20% possa portare delle vendite al tuo business è come mettere in campo una squadra amatoriale di calcetto contro una selezione di calciatori presi dalla nazionale italiana.

L’ho già detto all’inizio di questo lungo articolo: non puoi competere.

La tua unica ancora di salvezza per cercare di entrare in contatto in modo relazionale unicamente con le persone che possono essere interessate a quello che tu hai da offrire loro in termini professionali.

Questo dovrà essere fatto in modo”social”, utilizzando i tempi e i modi, anche di conversazione, che sono utilizzati oggigiorno.

Facile? NO.

Possibile? Sì.

facebook è uno strumento eccezionale, con un potenziale virtualmente illimitato, ma è necessario muoversi con intelligenza, sapendo esattamente cosa è necessario fare, per evitare di cadere vittima dei propri desideri (invece che obiettivi) ancora prima di iniziare.

i social network sono un luogo dove prima devi farti conoscere e offrirti a piene mani ad una platea di persone che non conosci direttamente, cercando di far capire loro che hai qualcosa da regalargli in termini di informazioni che porteranno loro un vantaggio.

Se lo farai, avrai aperto una “relazione sociale professionale” con queste persone e puoi star sicuro che, la prossima volta che avranno bisogno di un prodotto o un servizio che tu offri, tu sarai sicuramente fra le persone interpellate.

Quanto sopra non significa assolutamente che questo produrrà una vendita, ma certamente potrai far parte di una trattativa, che è la cosa più importante, mentre se sarai in grado di vincerla o meno questo dipenderà soltanto dalle tue abilità e conoscenza… cosa che nessun social network potrà mai sostituire e che, guarda caso, è proprio quello che alla fine, i tuoi clienti vogliono.

L’equazione è semplice: il social network serve per metterti in contatto con delle persone che non conosci, ma interessate a quello che puoi offrire loro, dopodiché dovrai essere bravo a porti nei loro confronti nel modo giusto per cercare di essere sempre in comunicazione quando loro decideranno che è arrivato il momento di acquistare un determinato prodotto o servizio.


Conclusioni

Ho cercato in tutti modi di rendere più corto possibile questo articolo, ma è praticamente impossibile, anzi, mi rendo conto che avrei dovuto scrivere dozzina di pagine…. ma alla fine sarebbe comunque incompleto, perché lavorare sui social network non è un capitolo che si apre e si chiude, ma qualcosa che si inizia e si continua nel tempo.

Ti vorrei quindi lasciare con una similitudine spesso dimenticata.

Sicuramente conosci bene il pensiero secondo il quale il passaparola è la forma più potente di pubblicità, e non è un caso, perché il messaggio ci viene portato da una persona che già conosciamo.

Siamo esseri umani, e per questo, al di là delle nostre naturali diffidenze, tendiamo a fidarci di più della parola in una singola persona che a cento pubblicità in televisione, radio o sul web.

facebook, attraverso i sistemi di cui ho parlato in questo articolo, permette di fare proprio questo: un passa parola digitale.

la moderna versione di una potente arma di promozione che conosciamo da sempre, che ci rassicura e di cui ci fidiamo, ma amplificata in modo esponenziale grazie alla potenzialità di internet.

 

Tags

marco.forconi

Lavoro nel settore IT/WEB dal 1995, ho creato il mio primo sito web nel 1999 (lo ammetto, era inguardabile...), e dal 2003 mi occupo full time di Web Marketing e Applications. Una Laurea breve conseguita in USA in Marketing & Business Management, che mi ha permesso di lavorare con partners internazionali. Per altre info leggi il "chi sono", o scrivimi :-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button