Web Marketing

La censura su Facebook ha due pesi e due misure?

..E chi fa pubblicità ha una "misura" diversa?

Pubblico qui un aneddoto che mi è capitato proprio oggi.

Stavo cercando tra gli annunci del marketplace una possibile occasione su un tablet quando mi appare all’improvviso la schermata che ho catturato e ripropongo qui sotto.

Sia chiaro che a me interessa poco il fatto che sia stata accettata una pubblicità di questo genere, così come non me ne frega niente se si è trattato di un errore.

Quello che mi interessa è puntualizzare il fatto che da un lato le regole di Facebook penalizzano semplici utenti perché magari hanno sbagliato a scrivere una parola, ritrovandosi con pagine o profili chiusi, penalizzati o limitati, ma dall’altro si concedono “distrazioni” come questa.

Trovo strano però che queste “distrazioni” capitano sempre, solo ed esclusivamente sulle pubblicità a pagamento: che sia SOLO un caso? Non ho elementi per dare una risposta ma sicuramente trovo la cosa quantomeno singolare.

A questo va aggiunto che io non ho potuto ripostare questo errore sul mio profilo, perché sono stato immediatamente bloccato da Facebook, come si può vedere dalla schermata qui sotto

Quindi, vediamo, se publico una foto di nudo sul mio profilo o su una pagina sono IMMEDIATAMENTE bloccato, ma se lo fa Jemima Jones con una sponsorizzata…allora ok.

Ognuno è libero di farsi la propria opinione su quanto sopra, ma di sicuro è un argomento sul quale vale la pena riflettere per capire le complesse quanto fumose regole del famoso social blu.

marco.forconi

Lavoro nel settore IT/WEB dal 1995, ho creato il mio primo sito web nel 1999 (lo ammetto, era inguardabile...), e dal 2003 mi occupo full time di Web Marketing e Applications. Una Laurea breve conseguita in USA in Marketing & Business Management, che mi ha permesso di lavorare con partners internazionali. Per altre info leggi il "chi sono", o scrivimi :-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button